top of page

Contro la digitalizzazione della didattica

ContiamoCi! a sostegno del Consiglio d’Istituto del Liceo romano «Pilo Albertelli»


Il Consiglio d’Istituto del Liceo romano «Pilo Albertelli» ha respinto i progetti legati al Piano Scuola 4.0 e finanziati con i fondi del PNRR. Noi di «ContiamoCi!» abbiamo già denunciato che la digitalizzazione della didattica è uno dei tanti soprusi di una UE condizionata dalle lobby, che si appropria di nostro denaro e poi ce lo restituisce obbligandoci ad acquistare beni di cui nessuno, se non i loro produttori, sente il bisogno o l’opportunità, proprio mentre l’edilizia scolastica è fatiscente e le retribuzioni dei lavoratori del settore sono tra le più basse in Europa. Abbiamo altresì sottolineato come dai test OCSE-PISA emerga che l’introduzione degli strumenti digitali è correlata con una diminuzione dei livelli di apprendimento degli alunni.

Lo stesso Consiglio d’Istituto ha argomentato con stupenda lucidità la sua bocciatura dei due progetti, anzitutto paventando che l’acquisizione delle conoscenze e delle abilità necessarie alla comprensione della realtà si degradi in una pratica irresponsabile e dispersa nelle attività ludiche e immersive; ricordando poi che le scuole già rigurgitano di macchinario informatico tanto inutile quanto inutilizzato; e rilevando infine che le relazioni tra gli strumenti digitali e il benessere degli alunni sono asserti del tutto gratuiti, privi di argomentazioni e documentazione scientificamente attendibile.

Mentre constatiamo con dolore che gli eredi del martire della libertà italiana a cui è intitolato il Liceo intervengono nella vicenda senza conoscenza dei fatti e in uno spirito conformistico lontano dalla scelta eroica del loro avo, vogliamo testimoniare tutto il nostro sostegno per la lucida presa di posizione del Consiglio d’Istituto e auspicare che sia un segnale di risveglio per la coscienza assopita del mondo della scuola italiana.

コメント


コメント機能がオフになっています。
bottom of page